Ad Agrigento si gioca? Organizziamoci e giochiamo --> GiocAGrigento!

15 settembre 2009

Novembre rosso

Novembre rosso è un gioco che ha portato Marco ad un mercoludì, l'abbiamo studiato insieme e giocato insieme. E' stato un piacere!
Questa recensione l'avevo scritta per il concorso di giochidatavolo.net, ma purtroppo il gioco era stato già recensito.
Bando alle ciance, eccola.

Ambientazione
L'ambientazione è il piatto forte di questo gioco. Sentirete l'odore della ruggine di cui è interamente fatto il vostro sommergibile: lo vedrete andare in pezzi, ma ve lo aspettate! Il calore del fuoco e il freddo dell'acqua che allaga le sale non vi spaventeranno se sarete attrezzati per affrontarli, al limite potrete sempre fare ricorso alla riserva di grog che il capitano ha lasciato nella sua cabina e troverete il coraggio di fare l'impensabile. Riuscirete tutti insieme (è un gioco collaborativo) a resistere fino all'arrivo dei soccorsi?

Componenti
Da una scatola così piccola non ho mai visto uscire così tanta roba! Davvero complimenti per lo sforzo che è stato fatto! Purtroppo però quasi tutti i componenti risentono negativamente della scelta di ridurre la dimensione della scatola.
La plancia è piccolissima e tende a richiudersi rimanendo con gli angoli sollevati dal tavolo, di conseguenza le pedine che ci stanno poggiate sopra tendono a scivolare via dalle loro posizioni. Il problema si sente soprattutto sui segnalini tempo che hanno delle piccole caselle lungo il bordo del tabellone in cui stare. Certamente anche i tassellini oggetto sarebbero stati più chiari se avessero avuto più spazio a disposizione.
La grafica è carina (anche se costretta agli angusti spazi) ed è perfettamente in tema.

Regolamento
Il regolamento è piuttosto lungo e anche dopo averlo letto avrete dei dubbi, è normale per questo tipo di gioco ed è un problema che può essere superato solo giocando e risolvendo le situazioni che si presenteranno. Nonostante questo non si tratta di un gioco difficile da giocare, di certi cavilli potrete fare a meno, ma con un po' di impegno troverete nel regolamento stesso il modo di risolvere ogni situazione.
Visto che è così ho due notizie, una buona e una cattiva. Quella cattiva è che si possono verificare tanti casi e quindi se non lo giocherete spesso tenderete a dimenticare tutti i cavilli per giocarlo alla perfezione, quella buona è che potete non conoscere a menadito tutti i cavilli per giocare e completare la partita divertendovi.

Cosa ne penso io?
L'ho trovato divertente, in ogni istante c'era qualche catastrofe (incendi, allagamenti, portelloni bloccati) che ci impediva di risolvere problemi più grandi (Guasto ai motori, missili lanciati, etc etc) e il ragionamento concitato sulle varie possibilità era davvero divertente. Il problema è l'ineluttabilità della catastrofe. Per quanto si faccia per risolvere il problema, non riusciremo a salvare il sommergibile, salteranno fuori tanti di quei guasti che ne saremo certamente sopraffatti. Nonostante questo l'ho trovato divertente ... ma senza questo il gioco sarebbe noioso!
Un aspetto importante è che potrete accomodare fino a 8 giocatori e non è un grosso punto a favore!
Purtroppo tutti i vari cavilli che lo compongono e la mia tendenza a dimenticarli sistematicamente non ne fanno un titolo appetibilissimo, ma se avete intenzione di giocarci spesso lo troverete sicuramente divertente.

Se un giorno riuscirete a salvare il sommergibile lo racconterete ai vostri nipoti!!

Incuriosito? possiamo giocarlo insieme uno di questi mercoludì!!