Ad Agrigento si gioca? Organizziamoci e giochiamo --> GiocAGrigento!

06 maggio 2014

Giocatori: Leonardo e Othello

La rubrica Giocatori lascia spazio ad altri giocatori ed alle loro opinioni. Oggi parla Leonardo

L'eterna sfida tra il nero e il bianco, parte di questa sfida si consuma a Scacchi, a Dama ed a Go, un'altra parte si consuma ad Othello.

“Othello ah ah ah !! ma cos'è Othello e Desdemona?” mi chiede beffardo l'amico a cui presento il gioco.
Rispondo prontamente e con una certa dose di spavalderia, sicuro di prenderlo in contropiede: “Si, esatto l'inventore del gioco lo ha dedicato proprio alla tragedia di Shakespeare di cui il padre era accanito studioso .. in fondo è un continuo trasformare pedine da bianche a nere, da nere a bianche! In una continua rivalità tra questi due colori.”.
L'amico rimane basito ma al tempo stesso affascinato. Rotto così il ghiaccio e catturata la sua attenzione, cominciamo a piazzare le pedine sull'othelliera dalle dimensioni simili a quelle degli scacchi e della dama cioè sempre 8x8, ma dal fondo monocromatico.
Il gioco procede speditamente, non ci si annoia, ciascuno ovviamente, come tipico dei giochi astratti 1vs1, ragiona sia sulle proprie mosse sia sulle risposte altrui ed alle proprie contromosse con un pizzico di “profondità” di gioco... ma l'occasione ci è propizia anche per accompagnare il match con un panino ed una birra accanto. Situazione poco ortodossa, poiché la torneistica prevede il massimo della concentrazione ed un ambiente ovattato e silenzioso, ma va bene così .. come primo incontro giochiamo per lo più a scoprire le alchimie strategie dei nostri piazzamenti dove le pedine vengono a turno posizionate in modo da incastrare quelle avversarie tra la propria che si mette di turno e quelle del proprio colore già presenti nei turni precedenti: questa o anche più pedine avversarie che si ritrovano così in mezzo vengono manualmente ribaltare cambiando colore.
“Occhio all'angolo!” me ne esco improvvisamente … e l'amico dubbioso mi chiede il perché, facile esporgli come una volta piazzata la pedina in uno dei quattro angoli questa non potrà più essere ribaltata perché non circondabile da altre pedine avversarie. Ecco uno dei primi concetti base del gioco .. e già la partita prende una certa direzione. Subdolamente si insinua però un altro concetto, visto che l'obiettivo del gioco sarà quello di avere più pedine del proprio colore rispetto all'avversario una volta riempiti tutti gli spazi dell'othelliera, come è possibile che man mano ci si accorga che più si mangia e meno mosse si hanno a disposizione, concedendo così l'iniziativa ed il controllo dell'incontro all'avversario? Ancora l'amico incredulo sulle mie mosse “Ma non vince chi ha più pedine ? E giochi per perdere cioè ad averne meno di me? Ma come funziona questo gioco?”. Con un po' di calma e pazienza te lo spiego meglio … se verrai all'ETNA COMICS & GAMES!

Primo gioco da tavolo a cui hai giocato?
COLONI DI CATAN (per la categoria boardgames .. perché in realtà i primi giochi sono stati Risiko e Monopoli)
Gioco preferito?
AGRICOLA

Cosa ti piace di più dei giochi da tavolo?
INTERAZIONE E PIAZZAMENTO

Con chi giochi più spesso?
AMICI E/O ASSOCIAZIONI LUDICHE

Come sarebbe fatto il gioco definitivo?
CAYLUS .. NON E' DIVERTENTE MA E' DETERMINISTICO AL 100%, AD OGGI NON HA RIVALI.

fatti una domanda e datti una risposta ...
NON SEGUI TROPPE COSE VISTO CHE SEI NEL DIRETTIVO DELLA FNGO, DELL'ASSOCIAZIONE GUFO, GESTISCI LA CONVENTION ROMA EST IN GIOCO, ARBITRO DI TORNEI ON LINE DI CARCASSONNE E AGRICOLA, STAFF DELLA BGL ??? SI E' VERO SEGUO TROPPE COSE MA COME FACCIO A DIRE DI NO ALLA RICHIESTA DI FAR PRATICARE GIOCHI INTELLIGENTI ALLE PERSONE ?

Chi volesse contattare Leonardo può farlo via email oppure tramite il sito www.romaestingioco.it